Calibrazione NanoVNA

Riporto una breve guida per calibrare il NanoVNA, sottolineando che essendo disponibili diversi firmware che ne determinano il range di frequenza e numero di tracce, è possibile trovare delle differenze.

Per approfondimenti rimando ai manuali scaricabili dai link a fine articolo.

Toccare il touchscreen o premere la rotellina per visualizzare il menu Home.

1. DISPLAY
2. TRACE
3. TRACE 0 Toccare lo schermo di nuovo e continuare (se necessario).
4. BACK
5. FORMAT
6. LOGMAG Toccare lo schermo di nuovo e continuare (se necessario).
7. BACK
8. TRACE
9. TRACE 1 Toccare lo schermo di nuovo e continuare (se necessario).
10. FORMAT
11. LOGMAG

A questo punto sullo schermo dovrebbero comparie: TRACE0 in giallo e TRACE1 in blu. TRACE0 dovrebbe indicare “CH0 LOGMAG” e TRACE1 dovrebbe indicare “CH1 LOGMAG”. Ora stiamo visualizzando rispettivamente S11 e S21 come CH0 e CH1.

Ora siamo pronti ad impostare i parametri di frequenza per la taratura, frequenza di lSTART e STOP. Il NanoVNA prevede 101 (centouno) step o campioni, quindi se impostiamo il valore predefinito da 50 KHz a 900 MHz, i dati dalla calibrazione risulteranno “sgranati”.

E’ vivamente consigliato ricalibrare il NanoVNA per determinati intervalli di frequenza, salvando le calibrazioni per poterle richiamare.

Ad esempio 50 KHz – 30 MHz, 140 MHz – 170 MHz, 420 MHz – 450 MHz.

Procediamo con la prima calibrazione da 50 KHz – 30 MHz

Toccare di nuovo lo schermo e continuare:

12. STIMULUS
13. START 50 KHz
14. STOP 30 MHz
15. BACK
16. CAL
17. RESET

Per una corretta calibrazione è fondamentale richiamare il comando RESET che rimarrà evidenziato. RESET distruggerà tutti i dati di calibrazione precedentemente salvati.

18. CAL
19. CALIBRATE

A questo punto nessuno dei sette tasti funzione sul lato destro del display sono evidenziati.

Collegare i due cavetti SMA-SMA ai rispettivi CH0 e CH1. Lasciarli aperti o collegare la terminazione aperta.

20. OPEN

Connettere la terminazione SMA in CORTO all’estremità del cavettoo su CH0. Lasciare il cavetto CH1 APERTO.

21. SHORT

Collegare le terminazioni 50 ohm alle estremità di entrambi i cavetti CH0 e CH1. Ciò richiederà una seconda terminazione 50 ohm ed un secondo adattatore.

22. LOAD

Lasciare collegate le due terminazioni a 50 ohm.

23. ISOLATION

Rimuovere le due terminazioni 50 ohm e collegare i due cavi insieme.

24. THRU

25. DONE

Ora salviamo i dati di calibrazione. È possibile salvare i dati in uno dei cinque registri disponibili (SAVE0 … SAVE4).

26. SAVE 0

In questo registro abbiamo salvato la calibrazione per il range 50 KHz – 30 MHz

Spegnere e riaccendere il NanoVNA e verificare che sul lato sinistro dello schermo compaia una stringa verticale con dei caratteri (C1 D R S T X)

Procedere con le calibrazioni per le altre bande di frequenza (dal punto 18), salvando poi nei rimanenti registri.

Per richiamare le calibrazioni selezionare dal menù principale: RECALL

Per visualizzare la traccia SWR, dal menù principale selezionare:

DISPLAY
TRACE
TRACE 0 (Verificare che sul display, in alto a sinistra, sia evidenziato CH0. Nel caso contrario ripetere l’operazione)
BACK
FORMAT
SWR

Per visualizzare la carta di SMITH, dal menù principale selezionare:

DISPLAY
TRACE
TRACE 1 (Verificare che sul display, in alto a sinistra, sia evidenziato CH1. Nel caso contrario ripetere l’operazione)
BACK
FORMAT
SMITH

Per migliorarne l’utilizzo sono disponibili software da PC open source: NanoVNASharp, NanoVNA-Saver, TAPR VNA.

Di seguito riporto alcuni link per approfondimenti e download di firmware:

Articolo NanoVNA un “piccolo” strumento di misura: NanoVNA – Italiano – Onorio Cenni I4CIV

Gruppo utilizzatori NanoVNA: https://groups.io/g/nanovna-users

Google Drive per reperire Manuali, Firmware e Software PC: https://drive.google.com/drive/folders/1-JViWLBOIzaHTdwdONX2RP8S4EgWxoND

I commenti sono chiusi.