Eumetsat

MET9 RGB-Airmass

MET9 RGB-Airmass

MET9 IR

MET9 IR

EUMETSAT (European Organisation for the Exploitation of Meteorological Satellites) è un’organizzazione intergovernativa creata attraverso una convenzione internazionale a cui aderiscono 26 stati europei: Austria, Belgio, Croazia, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria. Questi paesi finanziano i programmi di EUMETSAT e sono i principali fruitori del sistema. EUMETSAT inoltre ha stipulato accordi di cooperazione con 5 stati: Bulgaria, Estonia, Islanda, Lituania e Serbia. EUMETSAT è stata fondata nel 1983.

L’obiettivo principale di EUMETSAT è quello di gestire la rete europea dei satelliti meteorologici. È responsabile del lancio e del controllo dei satelliti e della trasmissione dei dati ottenuti agli interessati, nonché del monitoraggio del clima e dei cambiamenti climatici globali.

Le attività di EUMETSAT contribuiscono ad un sistema di osservazione meteorologica satellitare globale assieme ad altre nazioni che dispongono di satelliti meteorologici.

I satelliti meteorologici di EUMETSAT sono di due tipi: geostazionari e polari. Quelli geostazionari (la serie Meteosat) sono dislocati in alcune posizioni lungo l’equatore terrestre a un’altezza di 36.000 km, compiono un’orbita in 24 ore e rimangono fissi rispetto alla rotazione terrestre. Quindi osservano il disco terrestre sempre dalla stessa posizione e non vedono mai le calotte polari o le alte latitudini. I satelliti polari invece (la serie Metop, di cui solo uno è stato finora lanciato, nel 2006) hanno orbite cosiddette eliosincrone, cioè orbite quasi polari che per un effetto di precessione passano sopra ogni punto della terra sempre alla stessa ora locale. Volano molto piú bassi, a circa 800 km da terra, compiono un’intera orbita in 100 minuti. I satelliti Metop sorvolano l’equatore verso sud sempre alle 9.30 ora locale. Satelliti simili, ma con sorvolo dell’equatore alle 13.30 verso nord, sono gestiti dall’agenzia statunitense NOAA, con la quale EUMETSAT collabora con la distribuzione reciproca dei dati agli utenti e lo scambio di strumenti di rilevamento (europei e americani) per l’imbarco sui rispettivi satelliti. Le frequenze elettromagnetiche di osservazione meteorologica sono nella banda visibile, in quella infrarossa e in quella delle microonde.

Sito ufficiale: http://www.eumetsat.int

L’organizzazione nazionale rappresentante è Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare: http://www.meteoam.it

Commenti chiusi